I miei amici alberi

 

fuoco9

Ogni anno prima di partire per il trullo, faccio pulire la terra intorno al casale, che si trova in terra della Sabina. Due anni fa avevo speso duemila euro prima di partire, non è servito! Qualche orco ha messo fuoco agli alberi che io amo tanto. Comunque al mio rientro ho fatto potare e sistemare quello che restava. Poi ogni anno sistemo i miei amici alberi. Questo anno ha piovuto molto e ho dovuto ripulire già due volte, ma l'erba è diventata altissima. Ho chiesto aiuto a mio figlio Francesco il più piccolo, che non mi potevo permettere di spendere altri soldi per sistemare il terreno e di recintarlo. Siccome aveva un mese di stop, è venuto da Londra e lo sta facendo lui, grazie Francesco ti guardo dal balcone e ti vedo con quanto amore e fatica stai sistemando la mia vallata, lo so che anche te ami come me gli alberi. franca bassi

 

Er pajaro gialluto

 

Civita5

Immaggine de la sòra franca

 

Er pajaro gialluto

M'aricordo quann'ero regazzina
co' li mì' fratelli e la mì' nonna Betta
all'arba dar Vicolo dell'Archetto
se salìva ancora inzonnoliti
su er càro tirato da du' bòvi.
Sti pòri bòvi ar collo c'aveveno
'n campanaccio e puro 'n corno rosso.
Pe' anna a la vigna che sta'
accosto a la Macchia de Carbonara
c'era 'n bel po' de strada da fa'.
Intorno la campagna
'n arco-baleno de colori
e d'odori de fiori.
Arrivati a la piana tra li filari
accosto ar pozzo c'era 'n ber pajaro gialluto
co' la freganza der fieno appena tajato
e c'era puro 'n cespujo d'erba citronella.
St'odori de natura se maritano nell'aria
inzieme ar succo dell'uva matura.
Er pajaro appena fatto
era pe' noantri regazzini
'na pista pe' fa' la scivolarèlla
e li filari pe' gioca' a annisconnìjo.
Quanno se faceva l'ora der pasto
tutti a raduno sotto l'ombra dell'arbero de fico.
Era 'na fèsta ricca de giòglia!
Tutti listesso de 'no sciame d' api e de mosche
attorno a le tovàje annodate a quadretti
riposti drénto li canèstri.
'N fila bòni aspetta' er turno de noiantri.
L'ommini de fatica sdrajati ar fresco sur prato de trifojo
co' 'n tòzzo de pane 'na fetta de cacio e de presciutto
'n boccone 'n antro boccone
eppoi s'attaccavano a la fiasca der vino.
Pe' noiantri regazzini
pe' punizzione
pe' ave' riccorto solo
quarche rampazzo d'uva
'na fetta de pane ojo
e 'n sorzo d'acqua fresca intinta ner pozzo.
La sera ar tramonto
quanno er zole se nisconneva
dereto li calanchi de Civita
se caricava su er càro
er lavoro fatto der giorno.
Era l'ora der vespero
se sentiva er richiamo de le campane
se tornava tuttiquanti ar vecchio borgo
e noantri regazzini cotti de fatica
pe' guarda' lavorà li pòri contadini.
Co' tanta stracchezza pe' ave solo giocato
seguivamo er càro carico de bigonzi
ricormi d'uva profumata.
Ar seguito inzieme a li contadini
mì' nonna Betta co' la coroja su la capoccia
portava a casa 'na fascina de frasche
pe' accenne er fòco pe' l'inverno.
Tutti sporchi de terra
e der mosto appiccicoso
cantavamo in coro accompagnati
dar sòno de li campanacci
e dar muggire de li du' bòvi
filici de la bella giornata
ch'era malappéna calata.

franca bassi

Donne di ieri

   Categoria: OMAGGIO ALLE DONNE

<br

Immagine in rete grazie

La suggestiva figura della donna di ieri in una cornice naturale dalla grande carica emotiva, frutto della fusione tra classicismo e modernità che sottende una lodevole padronanza delle tecniche compositive.

Donne di ieri

Lontano si ode un canto argentino
donne alla fontana
accompagnano il gorgoglio
lo sciacquio dell'acqua 
che scende gelata
dalla cannella dorata.
Giovani …donne accompagnano il telo
in una danza sinuosa nell'acqua saponata
e tuffi nell'acqua pulita
formano un vorticoso passo di danza.
In due strizzano il telo
come avvitarlo in senso contrario
per far uscire il sudore
del lavoro appena fatto.
Una corona di tela colorata
un cesto intrecciato di arbusti
colmo di teli profumati
asciugati sui rovi dai raggi del sole.
Le giovani donne al tramonto
rientrano a casa stanche
e felici della bella giornata.

franca bassi
 

La notte

terme di notte7terme di notte4terme di notte2terme di notte6

immagini di franca:"Polvere di stelle"
 

La notte

Quando ero giovane dormivo pochissimo. Credevo che era tempo perso. Andavo in giro per borghi. Mi piaceva vedere lo stesso posto anche di notte. Credetemi, era un altro vedere. Non ho mai avuto paura del buio, anzi, la mia fantasia si amplificava e in sintonia facevamo scorribande notturne. La mia ombra, insieme alle ombre della notte erano le mie migliori amiche.
Solo i lampi con i tuoni, ancora oggi mi spaventano.
Le lucciole, le ombre, le stelle, la luna… queste sono cose che conosciamo più o meno tutti.
Vabbè anche adesso che sono grandicella, dormo poco e vado in giro la notte. Ho paura che gli anni che ho, non mi permettono di vedere domani, quello che posso vedere quando perdo il tempo per dormire.
Come si dice: “Non rimandare a domani quello che ti piace fare oggi”.Amici abbiamo molto tempo per dormire, anzi, ne abbiamo anche troppo!
franca bassi

 

Polvere di stelle

Questa notte l'aria era ricca di fascino
c'era una strana magia.
Ho trovato nascoste nel buio
un pugno di lucciole
e nel fogliame verdi raganelle.
Uno sguardo intorno, le ho seguite.

Ho respirato profondamente
un vapore ricco di energia.
I miei occhi malati
hanno visto un cielo ricco di stelle
mentre vedevano luci bagliori
si sono riempiti di una potente malia

Poi nel buio i miei occhi
sono stati accarezzati
da bellissimi cristalli di luce
colori smaglianti
un fascio di polvere di stelle
come per incantesimo li ha guariti.

franca bassi

 

Bambini lontani

Bambini lontaniImmagine di franca bassi: "Bambini lontani"
  

Er volo novo der Gabbiano de frontiera

Gabbia'! Mo che sei nato 'n' 'ntra vòrta puro tu,
mo c' hai da principia' 'na vita nova.
Nun te scorda' de quelo ch' hai veduto
prima su sta tera bella,
abbagnata co' er sangue de l'innocenti.
Ce so' li giovinotti, queli che li chiamano Eroi
ch'aspettono la tu penna.
Puro Giando dar dicissètte de settembre der 2009
 c'aspetta inzieme a l'amichi sui.
So'giù pe' la valle de Lubriano accosto a Civita
quanno le ginestre so' 'n fiore guardeno

er tramonto der zole dereto a li calanchi.
Eppoi ce so le crature de l'Africa
che so' anni dopo anni ch'aspettano
la giustizzia pe' la libbertà!
Vonno 'n po' d' acqua 'n tozzo de pane
e 'na penna pe' scrive a scòla.
Gabbia' t'aricordi l'occhi de li regazzini de kabul?
La sera prima de dormi' li vedo ancora,
me so rimasti stampati dentro er còre.
Lo sai m' hanno detto, che vonno fa vola'
ancora pe' 'na vòrta l'aquiloni prima de mori!
E li sorrisi de li pori fiji drénto le favelas?
Quer pòro Gesucristo sopra er monte
così grosso sai quanti bocconi amari je tocca manna' ggiù!
Avoja spalanca' le braccia p' 'bbraccicali tuttiquanti!
Inzomma Gabbia' ce tanto tanto da scrive
e ce so' tanti che c'aspettano.
Famo scorre la penna su sti foji bianchi
Volamo su li celi de la tera
inzieme a quarche aquilone colorato.
Penzamo a loro fino a quanno ce finisce
l'inchiostro dréntro er calamaro.

 

franca bassi

<!–

–>

Bon compreanno Gabbia’

auguri Gabbia

Immàggine  centrale de la sora franca: “Gabbiani”

GABBIANO DI FRONTIERA

e semo a maggio e tutti li gabbiani so’ spariti
dar fiume so’ annati tutti ar mare
io me faccio ajuta’ da uno co’ le penne nove
che già so’ troppo stanca pe’ volare

e quanno poi lo trovo io me faccio ‘na volata
dar fiume sotto casa fino a Ostia
gabbia’, lo sai che a me piacerebbe fa’ ‘na festa
co’ gabbiani e gabbianelle
pe’ scorda sti tempi duri

all’arba nun è facile trova’ chi m’accompagna
mo che so’ vecchia e volo adacio adacio
gabbiani giovinotti te li vedi a Ponte Mollo
che fanno li paìni drénto ar fiume

ma tu svolazzi’ ‘n’celo inzième ar Ponentino
gabbia’, te prego restame vicino
lo so che mo te devi pròpio accontenta’
de sta gabbianella cucca e stracca
de sto bonaugùrio de vita

nun te fermà gabbia’ tu fallo pe’ noiantri
riccontaci speranze e sofferenze
me riccomanno seguita a vola’ ner cielo arto
sei un gabbiano di frontiera
de sta pòra terra nostra
franca bassi

Er Re…

Pe' er Re de li bùci neri

A sor Paìno…
co' st'àbbito da sàntaro e
co' sta pagota luccichènte
su la capòccia…me sembri
er Re de le galassie
e de mijoni de bùci neri.
Sor Paìno…
so' 'N mijaro de ggiorni 
che bazzico er brogghe tuo.
Mo…
 t' 'nzògno 'gni notte.
Te vedo tèso tèso.
Quarmente 'N sonnàmpolo.
Sèmpre
co' st' àbbito nero da sàntaro e
co' sta pagota luccichènte
su la capòccia.
Staì fermo appiccicato
su 'N prato de trifòjo
e co' er cannocchiàle
che scruti er celo néro.
Dìmme…sor Paìno
te piacérebbe trovà'
'N Ufo de millanta colori
co' le luci ch' abbrillàno?
'nzomma sor Paìno
'gni notte me rovini er sonno
 e m'arrubi l''nzògni mii.
Prima ch' inizzio a smoccolà!
Sèmpre se t'aggrada
pe' er tu comprianno
te rigalo er bijétto
pe' anna a dormì su le stelle.
Ma a 'na condizzione…
la notte lassame contà
le pecorèlle!

franca bassi

Un piccolo miracolo

                 germoglio Pictures, Images and Photos

Cari amici desidero raccontarvi una storia vera, accadutami nel lontano 1985. Era il mese di agosto, verso la fine, presi il traghetto a Livorno per la Corsica. Eravamo solo quattro vetture a bordo, ormai le code erano finite. I profumi delle erbe selvatiche, portati dalla furia del vento maestrale all’ uscita delle Bocche di Bonifacio, mi ripagarono della mia repentina decisione. Per quindici giorni girai l’ isola in tutte le direzioni senza stancarmi di riempire i polmoni e appagare il mio spirito per tanta naturale bellezza. In pochi chilometri avevi una perfetta alchimia di terra e mare, i calanchi, le montagne a picco sul mare, all’ interno il deserto des Agriatos mostrava tutta la sua arida bellezza. Un giorno mi fermai ad ovest dell’ isola, il mare era di un colore alabastro e la parete tagliente a picco ti creava un senso di vertigine, i calanchi imponenti ti incutevano rispetto; tenendomi a un ramo mi sporsi per guardare meglio la parete e vidi alcuni rametti di colore rosso, privi di foglie, sembravano dei coralli fuoriusciti dagli abbissi marini; uno era quasi staccato dalla parete, lo raccolsi, e lo misi in un cestino che porto sempre con me durante i miei viaggi. Ogni volta che mi addentro nei boschi raccolgo sempre rametti secchi, sassolini, un pugno di terra, sabbia colorata e conchiglie, poi al ritorno conservo tutto in uno scatola con la scritta: “materiale utile per fare il Presepe.” Sin da piccola mi piaceva farlo e già in estate, in primavera ed in autunno raccoglievo materiale per eseguirlo in dicembre. La scatola era preziosa conteneva di tutto e da tutti i miei viaggi, anche dal lontano oriente, portavo sempre via qualcosa per ricordare e rivivere nella memoria quei momenti. Non mi piaceva fare il Presepe andando a comprare al negozio, il mio Presepe doveva racchiudere i profumi della natura e parte della mia vita.
In quell’anno, lo feci nel casale della antica terra dei Sabini, sul bordo del camino; misi un po’ di sassi del piccolo Tibet per fare la grotta, un po’ di sabbia rossa del deserto della Giordania, un po’ di erbe secche profumate e aggiunsi il rametto rosso della Corsica, cospargendolo con un pizzico di farina, che rappresentava la neve e per sostenerlo lo misi in una bottiglia di yoga con un po’ di terra e sassolini. Ricoprii la base con un po’ di muschio, dopo di che il mio presepe era bello e mi sentivo soddisfatta. Passarono i giorni ed il grande camino scaldava la stanza. La notte di Natale il piccolo rametto con mio grande stupore, ha messo delle gemme e sono spuntate delle foglioline verdi. Mi piace molto questa storia, io la chiamo: ” Il piccolo miracolo di Natale, il miracolo della vita”. Spesso la racconto, aggiugendo che non bisogna mai disperare, anche quando credi che tutto sia finito, la vita può rinascere. Franca Bassi

Riporto l'indirizzo del mio presepe in video:
                      http://it.youtube.com/watch?v=_k1iLdoR8LQ

<!–

–>

Auguri

compleanno2008 

Siamo nell'anno1938 precisamente il 17 dicembre, vabbè a tutti i nati in questo giorno auguri di buon compleanno, anche se oggi capita di venerdì!

Buon compleanno franca!!

Non ti spaventare anche se capita di venerdì, guardati intorno e strizza l'occhio al nemico!!

Il 17 dicembre 1938 Otto Hahn e il suo assistente Fritz Strassmann scoprirono, a Berlino-Dahlem, la fissione nucleare dell'atomo di uranio e ne dimostrarono il processo radiochimico; si trattava delle basi scientifiche e tecniche per l'uso dell'energia nucleare. Il 17 dicembre 1938 segna, quindi, l'inizio dell'era atomica, che ha profondamente cambiato il mondo dal punto di vista scientifico, politico, economico, sociale e filosofico.

Anche loro sono nati il 17 dicembre 1938 perciò tanti auguri!! Sono nomi importanti, e hanno fatto strada. Cari amici io mi accontento di quel poco che da sola sono riuscita a fare;)